Vedi Messaggio Singolo
Vecchio 29-08-2011, 17:40   #472
Braxton Bragg
Wonderful User
 
L'Avatar di Braxton Bragg
 
Data Iscrizione: 11-07-2005
Messaggi: 2.737
Potenza Reputazione: 15
Braxton Bragg ha fan che lo seguono ovunqueBraxton Bragg ha fan che lo seguono ovunqueBraxton Bragg ha fan che lo seguono ovunqueBraxton Bragg ha fan che lo seguono ovunqueBraxton Bragg ha fan che lo seguono ovunqueBraxton Bragg ha fan che lo seguono ovunqueBraxton Bragg ha fan che lo seguono ovunqueBraxton Bragg ha fan che lo seguono ovunqueBraxton Bragg ha fan che lo seguono ovunqueBraxton Bragg ha fan che lo seguono ovunqueBraxton Bragg ha fan che lo seguono ovunque
Base Re: Scene indimenticabili dei film

…Il massiccio ponte levatoio, Ŕ scardinato, travolto.
Crolla sui difensori; li schiaccia sotto il suo peso.
Gli assalitori rabbiosi, coperti di ferro, si scagliano attraverso la breccia, mentre l’intero esercito prorompe nel grido di guerra.
Gli inglesi dietro la palizzata, per lo pi¨ arcieri e balestrieri, sono in difficoltÓ nel corpo a corpo; le loro fila vacillano. Il capitano inglese capisce il pericolo: la prima cinta difensiva Ŕ perduta;
corre verso il torrione centrale, ma il Conte di Essex ha giÓ impartito l’ordine di sbarrare la massiccia porta d’ingresso. Il capitano Ŕ tagliato fuori: si trova a tempestare di pugni un portone chiuso.
Jeanne porta avanti lo stendardo, stranita e inerme nella mischia, tra schizzi di sangue ed arti mozzati, mentre intorno calano le scuri , le spade guizzano, le puntute mazze colpiscono, compiendo il macello.
Gilles, barone di Retz , il duca D’Alenšon, corrono dietro a Jeanne, esasperati; cercano di salvarla dalle spade inglesi. Ma l’assalto a La Tourelle Ŕ appena iniziato.
Dal torrione gli arcieri inglesi potranno scoccare tutte le loro frecce sugli assalitori che presto, se si fermano nella posizione appena conquistata, saranno un facile bersaglio.
Jeanne Ŕ solo una contadina, ma sa cosa fare.
“D’Alenšon!” Grida, come se il duca, fosse ai suoi comandi; “Radunate i vostri arcieri e bruciate quella porta!” ordina. Il capitano degli inglesi Ŕ ancora davanti ai massicci battenti quando gli arcieri francesi agli ordini del duca si schierano, pronti a scoccare i dardi incendiari.
“Caricate il “porcospino”!” Grida intanto nella torre il conte di Essex.
Il “porcospino”: una sorta di grande balestra, larga quanto la porta stessa, fatta in modo da scagliare, attraverso piccoli fori nel portone, decine e decine di frecce in un solo lancio.
Il capitano inglese ha di fronte gli arcieri francesi; alle spalle, la porta, i fori, il porcospino...
“Fuoco!” grida il Duca francese, e dardi fiammeggianti volano a conficcarsi sul legno della porta.
Il capitano inglese chiude gli occhi, come paralizzato; frecce infuocate gli sfiorano il collo, la testa, lambiscono le gambe, i fianchi…
“Fuoco!” grida in risposta il Conte, dall’interno della torre, ed il “porcospino” scaglia verso i francesi tutte le sue frecce.
“Fuoco!” Urla dal campo francese il comandante del grande mangano; la mastodontica macchina da assedio, col suo grande braccio oscillante, fionda verso la torre inglese la pesante sfera di pietra…

Ricordi a quale film appartiene la scena?
Risposta in caratteri bianchi su sfondo bianco, nel riquadro sottostante.
Cita:
Jeanne D’Arc, di Luc Besson, ovviamente, ma...


...Ma perchÚ tutti gridano “Fuoco”?
“Fuoco” Ŕ l’ordine che veniva impartito perchÚ si desse appunto fuoco alle polveri di bombarde, cannoni, colubrine. Ma la presa di La Tourelle Ŕ anteriore all’affermarsi delle armi da fuoco. E correttamente, neppure un’arma da fuoco, infatti, compare nel film
I comandanti, insomma, danno ordini relativi ad armi future, ancora non in uso.
Forse D’Alenšon ha qualche ragione per urlare “fuoco”, dato che sta scagliando frecce incendiarie, ma il Conte di Essex non ne ha nessuna. Potrebbe dire “scocca”, “tira”, “scaglia”, ma non “fuoco”. Non ha senso impartire a degli arcieri un ordine relativo ad armi ancora rarissime, quasi sconosciute, un ordine che si affermerÓ fra i pochi addetti all’artiglieria solo diversi decenni dopo.
Insomma: un anacronismo.
Quando Re Carlo VIII scenderÓ verso il regno di Napoli, la grande novitÓ del suo esercito sarÓ appunto l’artiglieria, che rese di colpo obsoleti i magnifici castelli medioevali; saranno ormai passati pi¨ di sessant’anni dal giorno in cui Jeanne, in nome del nonno di Carlo, fece il suo… miracoloso ingresso a La Tourelle.
Braxton Bragg non Ŕ collegato   Rispondi Citando